Star Trek: Discovery, Kurtzman: la serie rispetterà i canoni, non mancheranno discussioni tra i fan

0

Ieri 6 luglio in una intervista video su CNET Alex Kurtzman, il co-creatore e produttore esecutivo di Star Trek: Discovery, ha avuto modo di fare una lunga chiacchierata, affermando che la nuova serie rispetterà i canoni classici, anche se non mancheranno motivi che potranno far scaturire discussioni tra i fan.

In sintesi Alex Kurtzman in merito alla serie ed alla sua protagonista Sonequa Martin-Green ha detto:

“La storia che abbiamo per questa stagione è davvero speciale ed interessante e renderà omaggio a molte cose viste in Trek, anche se per molti versi lo farà in modo nuovo. Avere Sonequa  e Michelle come capitani della nostra nave (ndr. probabilmente  è da intendersi come personaggi pricipali della serie) è davvero molto eccitante e diverso. Amo le storie che si basano su donne forti ed in questo spettacolo  abbiamo alcune donne forti. Sonequa  è un’attrice molto speciale che sta dando al suo personaggio un sapore che non ho mai visto in Trek, cosa veramente eccitante. La sua storia è estremamente unica e si basa su diverse cose davvero interessanti per la ‘tradizione Trek’ …  Anche se sono sicuro che sarà motivo di grandi discussioni.”

Kurtzman ha aggiunto:

“Come fan della serie vi renderete conto di quante cose ed elementi rispecchieranno la serie originale. Non parlo della trama, ma dello spirito di quello che è stato. Stiamo rivisitando un paio di cose su Star Trek: Discovery che penso che le persone troveranno familiari. Senza stravolgere nulla stiamo aderendo alla linea temporale ed alle sue regole, ma penso anche di esplorare alcune nuove aree e strade che sono state solo accennate ma mai completamente esplorate.”

In relazione alla canonicità di Star Trek: Discovery Kurtzman ha affermato:

“Tra gli autori abbiamo un gruppo di persone che hanno rapporti stretti e relazioni diverse con il mondo di Star Trek , questo apporta alla serie quella tradizione Trek scritta dai fan. Devi rispettare il canone come è sta scritto. Non puoi dire: “Non è mai successo”. No, no no, non puoi farlo, ti ucciderebbero. I fan di Star Trek ti ucciderebbero. No, devi rispettare il canone. Bisogna capire la cronologia, quali sono le diverse linee temporali e quali sono stati i diversi universi e come tutti interagiscono insieme. Devi mantenere una traccia molto precisa di chi, cosa, dove, quando e perché. Abbiamo autori nella nostra squadra il cui unico lavoro è dire: “No, no questo non si può fare!”

Infine, riguardo lo spirito di Gene Rondenberry il produttore  si è così espresso:

“Penso che il nucleo della visione di Roddenberry – e credo che questo sia il motivo per cui ha resistito per tutto il tempo – è la convinzione che gli esseri umani trovino sempre un modo per perseverare ed unirsi tra di loro e che esista una prospettiva ottimista su dove possiamo andare. Prospettiva di cui oggi abbiamo disperatamente bisogno, così da avere speranza, Star Trek infonde speranza.”

Star Trek: Discovery sarà prodotta da Alex Kurtzman, lo sviluppo è stato affidato a Gretchen Berg e Aaron Harberts e la consulenza creativa ad Akiwa Goldsman,

Le riprese sono iniziate il 24 gennaio per terminare il 7 settembre del 2017  presso “The Pinewood Studios” di Toronto in Canada.

Nel cast Sonequa Martin-Green nella parte di Primo Ufficiale, inoltre: Michelle Yeoh, Doug Jones, Shazad Latif, Chris Obi, Mary Chieffo, Anthony Rapp, Maulik Pancholy, Terry Serpico, Sam Vartholomeos, Jason Isaacs, James Frain, Rainn Wilson, Kenneth Mitchell, Rekha Sharma, Damon Runyan e Clare McConnell.

Star Trek: Discovery avrà una durata di 15 episodi ed andrà in onda negli Usa su CBS (il primo episodio) e successivamente su CBS All Access, nel resto del mondo sarà Netflix a distribuirla.

Star Trek: Discovery andrà in onda su CBS dal 24 settembre 2017, dal 25 settembre in Italia su Netflix.

La video intervista:

(Letto 81 volte, di cui 1 oggi)