Star Trek: recuperato il materiale inedito di Gene Roddenberry

0

Il contenuto di 200 floppy disk di materiale inedito del creatore di Star Trek è stato recuperato dopo 3 mesi di lavoro.

Detrattori di J.J. Abrams potrebbe arrivare il momento della vostra riscossa. Proprio mentre si avvicina il cinquantesimo anniversario della messa in onda della prima serie di Star Trek, nell’anno dell’uscita del già controverso Star Trek Beyond, e dopo l’annuncio della battaglia legale che Paramount e CBS vogliono intraprendere per la difesa della loro proprietà intellettuale, arriva una notizia che rimette in pista nientemeno che il creatore della leggendaria serie: Gene Roddenberry.

Le aziende DriveSavers ed eDiscovery hanno annunciato lunedì scorso che dopo mesi di lavoro sono stati in grado di estrarre i dati da ben 200 dischi utilizzati dall’ideatore di Star Trek per memorizzare il suo lavoro.

Roddenberry lavorò alla serie originale, andata in onda dal 1966 al 1969, utilizzando una macchina da scrivere. Successivamente utilizzò un paio di computer assemblati in proprio per memorizzare idee di storie, sceneggiature e appunti.

Gli anni ’70 erano l’epoca in cui le componenti dei primi rudimentali computer personali venivano venduti separatamente, o in scatola di montaggio, con sistemi operativi tutti diversi tra loro. Spesso gli utenti dovevano scriversi in proprio tutto il software.

Quando Roddenberry passò a un PC standard, negli ultimi anni della sua vita, mantenne l’uso dei computer precedenti.

La scoperta dei 200 floppy disk da 5,25 , utilizzati proprio in quei due computer, è avvenuta molto tempo dopo la sua morte, avvenuta nel 1991. Nessuno ne conosceva l’esistenza. Uno dei due computer era stato messo all’asta e l’altro non funzionava.

La difficoltà nel reperire le informazioni da una fonte informatica è dovuta, molto banalmente, all’obsolescenza tecnologia e alla mancanza di informazioni o di un device adatto a leggere un determinato supporto.

I due computer erano dotati di un sistema operativo e un word processor proprietari, dei quali non c’era alcuna documentazione, neanche su come fossero formattati i dischi!

Senza informazioni sul formato e sul funzionamento del sistema, gli informatici della DriveSavers hanno comunque trovato alla fine il modo di recuperare i dati.

Mike Cobb, direttore della sezione ingegneria della DriveSavers, non ha voluto rivelare il contenuto dei dischi, ma ha dato alcuni indizi in un comunicato stampa:

Ci sono un sacco di documenti. Nel 2016 ci sarà il 50° anniversario dell’originale Star Trek, qualsiasi cosa potrebbe accadere,  il mondo dovrà aspettare e vedere.

C’è quindi la possibilità che alcune idee mai sviluppate da Roddenberry per Star Trek possano approdare al cinema o alla televisione?

Fantascienza.com

(Letto 16 volte, di cui 1 oggi)